fbpx

 

DIRITTO MILITARE - DIRITTO PENALE MILITARE - CONCORSI PUBBLICI - DIRITTO DEL PUBBLICO IMPIEGO

MILANO - ROMA - VERONA

Rapporto tra procedimento disciplinare e procedimento penale - Art. 1393 Com e assoluzione in sede penale

Una delle questioni più dibattute è quella relativa al rapporto tra procedimento penale e procedimento disciplinare nel codice dell’ordinamento militare. In particolare, l’art. 1393 del D. Lgs. 66 del 2010 disciplina una serie di ipotesi che meritano trattazione separata. In questo articolo, dello studio degli Avvocati Carbutti e Maiella, esperti in diritto militare e in procedure disciplinari, affronteremo quali siano le conseguenze sotto il profilo disciplinare relativamente ad una assoluzione con formula piena nel procedimento penale. Capiremo, infatti, se l’amministrazione può aprire il procedimento disciplinare ed in quali casi può farlo. Inoltre, si vedrà quali sono le conseguenze di una sanzione disciplinare illegittima e come proporre un valido ricorso al TAR competente.

Come detto la norma di riferimento è rinvenibile nell'art. 1393 del Codice dell’Ordinamento militare, così come riformato dapprima dalla L. 7 agosto 2015, n. 124, e poi dal D. Lgs. 26 aprile 2016, n. 91.

Articolo 42 bis del D. Lgs. 151 del 2001 e rigetti

L'art. 42 bis del Decreto legislativo n. 151 del 2001 è un istituto che permette l'assegnazione temporanea e quindi il trasferimento di sede per la durata di tre anni, presso una sede ubicata nella provincia o nella Regione dove l'altro genitore svolge l'attività lavorativa in presenza di un figlio di età inferiore ai tre anni. E' impropriamente conosciuta come una legge che permette il ricongiungimento familiare in favore del pubblico dipendente e quindi anche dei militari, anche se in realtà la norma tutela la genitorialità e quindi a nulla rileva lo stato dei relativi genitori. 

Per quanto concerne il personale militare, i requisiti per ottenere un'assegnazione temporanea ex. articolo 42 bis del D. Lgs. 151 del 2001, sono più stringenti e le ultime sentenze confermano che l'Amministrazione procede ad un rigetto e ad un diniego in maniera più marcata rispetto a quanto avviene con il pubblico impiego in generale. Come detto, l'assegnazione temporanea ex. art. 42 bis è molto specifica rispetto al personale dell'esercito, della marina, dell'aeronautica, dei carabinieri, della guardia di finanza, della polizia, della Guardia Costiera ed anche del personale appartenente ai Vigili del Fuoco.

Come noto il correttivo dei riordini di cui ai decreti Legislativi 172 e 173 del 2019 ha modificato quelle che in parte erano ritenute delle evidenti criticità e disparità di trattamento create con il precedente riordino del 2017 di cui ai D. Lgs. 94 e 95 del 2017.

Ma in realtà è stato così oppure ha introdotto nuove e maggiori criticità soprattutto per quanto concerne alcuni diritti costituzionalmente garantiti come la tutela della genitorialità?

Il TAR accoglie ricorso degli Avvocati Maiella e Carbutti: quando l’incarico risulta determinante ai fini del trasferimento ex. art. 33 co. 5 Legge 104 del 1992

La legge 104 del 1992 è una norma complessa che il legislatore ha predisposto per la tutela delle persone affette da handicap (art. 3 co.1 L. 104 del 1992)  e da handicap in situazioni di gravità (art. 3 co.3 L. 104 del 1992). Per questi ultimi sono stati previsti una serie di strumenti atti alla tutela effettiva tra cui i permessi ed il trasferimento per i lavoratori che li assistono. Nello specifico, l'art. 33 comma 5 della L. 104 del 1992 prevede per i lavoratori che prestano assistenza e qui nello specifico per il personale militare e delle forze di polizia appartenente all'Esercito, alla Marina, all'Aeronautica, ai Carabinieri, alla Guardia di Finanza, alla Polizia e ai Vigili del Fuoco, la possibilità di essere trasferiti in una sede vicina al luogo di residenza del disabile. In realtà non esiste una legge 104 per i militari, tuttavia, i singoli ordinamenti prevedono la possibilità per il personale militare e delle forze di polizia sia ad ordinamento civile che militare di fruirne, pur con le limitazioni e la specificità relativa al loro status, di tale istituto. Tale trasferimento, una volta concesso ha natura temporanea, ovvero fino al perdurare della situazione di handicap grave del familiare da assistere. Ma in caso di rigetto al trasferimento per assistere il disabile, cosa si può fare? Cosa dicono le ultime sentenze in riferimento alla 104? E' possibile presentare un ricorso al TAR avverso un rigetto o un diniego di una domanda di trasferimento temporaneo ai sensi dell'art. 33 co. 5 della Legge 104 del 1992 per il personale militare?

Gli avvocati Maiella e Carbutti hanno ottenuto una importantissima vittoria, grazie all’accoglimento della domanda cautelare presentata incidentalmente al ricorso introduttivo presso il TAR Campania avverso il rigetto di una domanda di trasferimento ai sensi dell’art. 33 comma 5 della Legge 104 del 1992. L’incarico posseduto è determinante ai fini del possibile trasferimento? Quale potere ha l’amministrazione per negarlo?  

Tabella e benefici vittime del dovere e vittime del terrorismo

Cosa comporta lo status di vittima del dovere? Quali sono i benefici per le vittime del dovere e soggetti equiparati? Esiste una tabella riassuntiva per i benefici riconosciuti alle vittime del dovere e del terrorismo?

Lo Studio Legale degli avvocati Carbutti e Maiella, esperti in diritto militare è competente anche nell'istruire domande di riconoscimento per Vittime del Dovere e Vittime del Terrorismo oltre che proporre ricorso dinanzi all'organo giurisdizionale compente in caso di mancato riconoscimento.

Di seguito una breve ma esplicativa tabella dei benefici.

Mobbing militare e rimedi

Quando si configura il mobbing militare? In realtà di cosa si stratta? Si può parlare di reato autonomo oppure dobbiamo considerare più fattispecie delittuose nel loro insieme? Sempre più spesso molti militari ed appartenenti alle Forze di polizia ad ordinamento civile si rivolgono allo Studio legale degli avvocati Maiella e Carbutti per comprendere se quanto accadutogli possa configurare condotte illecite e ricadenti nel cd. Mobbing. In questo breve approfondimento andremo a delineare i lineamenti essenziali e cercheremo di comprendere cosa si può fare per porvi rimedio ma soprattutto quando realmente si può parlare di "mobbing con le stellette".

I nostri Video esplicativi

Ciao! Contatta via WhatsApp gli avvocati Maiella e Carbutti oppure scrivi studiolegale.cm@hotmail.com

Contattaci
Close and go back to page